Come realizzare un prato perfetto

Avere un bel prato verde e perfetto nel proprio giardino rappresenta, con molta probabilità, la scelta migliore sulla quale far ricadere la propria decisione finale.

Vediamo ora come procedere affinché il vostro prato possa essere privo di ogni genere di difetti e faccia in modo che il risultato finale venga apprezzato da parte vostra.

La preparazione del terreno e gli strumenti ideali

La preparazione del terreno rappresenta la fase fondamentale che tutti coloro che vogliono avere un bel prato verde devono necessariamente effettuare: grazie a tale procedura si conferirà allo stesso terreno la possibilità di far germogliare i diversi semi del prato senza dover poi fronteggiare delle complicanze di natura differente.

Sarà quindi necessario prendere in considerazione il fatto che, per svolgere la preparazione del prato, occorre essere dotati di diversi strumenti quali:

Questi tre strumenti permettono di prendersi cura del proprio terreno e fare in modo che questo possa essere seminato in modo corretto, facendo quindi in modo che il prato stesso possa crescere senza complicanze.

Per la precisione il periodo migliore durante il quale seminare il proprio prato è rappresentato dal mese di settembre, quando il clima è ancora mite.

Ovviamente se le temperature autunnali lo consentono, anche ottobre è un buon periodo per effettuare la semina dello stesso prato.

Ma prima occorre comunque realizzare un terreno che sia in grado di offrire l'occasione di piantare i semini e farli crescere.

Prima fase di preparazione per il prato, la rimozione superficiale dell'erba

Le erbacce sono uno dei nemici del proprio terreno che devono essere assolutamente rimossi.

Questo per il semplice fatto che qualora si decidesse di piantare i semini in un terreno nel quale sono presenti delle erbacce, si rischierebbe semplicemente di impedire agli stessi di crescere in maniera rigogliosa e perfetta sotto ogni ottica.

Occorre, per prima cosa, procedere con la rimozione dell'erba superflua, utilizzando magari un rasa erba e accorciandola.

Questa operazione apre anche le porte a quella successiva, che sarà meno complessa del previsto ma ora focalizziamoci su come procedere per rimuovere la parte superficiale dell'erba.

Il rasa erba, vi permette di accorciare notevolmente l'erba senza grossa fatica: vi basterà passare col macchinario per vedere l'erba che viene notevolmente accorciata, permettendovi quindi di non avere difficoltà nel camminare nel vostro terreno e controllare quali siano le zone che ritenete siano maggiormente adatte per piantare i semini del prato.

Tenete in considerazione che, per un buon lavoro iniziale, il rasa erba deve essere dotato di pratico raccoglitore in maniera tale che i detriti possano essere accuratamente raccolti.

Questi potranno poi essere utilizzati come concime per le piante o semplicemente buttati: ricordatevi di passare diverse volte il rasa erba per avere un terreno dove le varie erbacce hanno tutte la stessa dimensione e voi possiate identificare con maggior semplicità le ulteriori zone nelle quali dovete intervenire.

Inoltre cercate di non surriscaldare eccessivamente il motore: se il vostro terreno ha un'area pari a mille metri quadrati e il rasa erba può essere utilizzato consecutivamente solo per cinquecento, cercate di rispettare questo parametro e soprattutto di evitare che lo sforzo eccessivo possa comportare problematiche di natura tecnica allo stesso strumento.

Una volta che avete accorciato l'erba potrete passare alla fase di lavorazione successiva, ovvero rimuoverla definitivamente.

Il taglia erba e il suo utilizzo

Coloro che si domandando perché non utilizzare subito il taglia erba, quello con le fascine in plastica dura che vengono azionate dal motore e che grazie alla funzione rotante permettono di rimuovere definitivamente l'erba, devono sapere che se questa dovesse essere eccessivamente grande, il macchinario avrebbe non poche difficoltà nell'essere adoperato.

Pertanto prima bisogna accorciare l'erba per poi sfruttare il taglia erba e agire nelle varie zone del terreno dove si vuole creare il prato.

Questo tipo di operazione deve essere svolto con estrema cura in quanto il taglio deve essere effettuato in modo tale che le radici delle erbacce possano essere totalmente rimosse: pertanto si tratta di una lavorazione che deve essere svolta con molta cura e pazienza e che potrebbe richiedere anche qualche ora di lavoro, se non giorni, per poter ottenere un ottimo risultato, ovvero preparare il terreno per piantare i semini del prato.

Il taglio dell'erba con questo strumento deve consentire di vedere solo ed esclusivamente il terreno: anche una sola piccola zona nella quale è presente l'erba potrebbe avere un'incisione negativa sulla crescita corretta e perfetta del prato.

Pertanto la massima cura e attenzione devono esser applicate e per questo occorre sfruttare un taglia erba che sia leggero e maneggevole, permettendo quindi di evitare degli sforzi eccessivi e non riuscire a svolgere quel genere di lavoro in modo completo.

Solo dopo aver rimosso totalmente l'erba sarà possibile procedere alla penultima fase di preparazione del terreno.

Livellare il terreno col rullo

Il rullo per creare un terreno pianeggiante è lo strumento ideale che deve essere sfruttato qualora si voglia avere l'occasione concreta di possedere un prato perfetto sotto ogni ottica.

Occorre lavorare sul terreno in maniera tale che questo sia perfettamente piano e non si presenti con fosse, zone dove la terra è maggiormente alta e altre dove vi sono delle vere e proprie discese.

Per riuscire a rendere piano il terreno occorre osservarlo complessivamente dalle diverse angolazioni, in maniera tale che si possano identificare quelle che sono le differenti aree dove bisogna agire.

Anche in questo caso occorre avere parecchia pazienza in quanto si tratta di un tipo di operazione che deve essere svolta con estrema cura e pazienza affinché si possa avere l'opportunità di evitare che la situazione possa essere tutt'altro che ottimale, ovvero che il terreno non sia perfettamente pianeggiante.

Una volta che si ottiene questo tipo di risultato il terreno potrà essere preparato e seminato.

Come piantare i semi nel terreno

Per avere un prato perfetto occorre, per prima cosa, scegliere i semi per il prato che siano di prima qualità, ovvero che germoglino con facilità e che siano adatti per quel tipo di condizione climatica.

Inoltre occorre che vi ricordiate che per ogni metro quadro di terreno nel quale dovete realizzare il prato sono necessari 50 grammi di semi.

Utilizzando un rastrello dovrete solcare il terreno per fare in modo che i semini possano essere piantati: non andate troppo in profondità ma nemmeno troppo in superficie, visto che gli uccelli e gli insetti potrebbero mangiare i semini.

Tenete anche in considerazione che la semina deve avvenire in giornate prive di vento, affinché i semi stessi non vengano sparpagliati e il prato cresca a zolle differenti.

Suddividete anche l'area del terreno nella quale volete creare il prato affinché possiate vedere se una di queste è stata piantata con la stessa quantità di semi: dovrete quindi creare un reticolato utilizzando paletti e spago, con ogni frazione che deve avere la stessa dimensione affinché il confronto che effettuerete possa essere svolto correttamente.

Una volta svolte tutte queste procedure dovrete semplicemente coprire i semini con la terra.

Rendere il prato perfetto

Una volta che i semini vengono piantati e ricoperti, occorre rimuovere il reticolato di spago e usare il rullo, affinché il terreno torni a essere pianeggiante e omogeneo.

Il prato deve essere innaffiato quotidianamente con un getto d'acqua fino, evitando che l'acqua possa stagnare, cosa che impedisce ai semini di crescere correttamente, facendoli invece marcire.

Se svolgerete queste procedure correttamente, in primavera il vostro prato inizierà a crescere in maniera uniforme: ricordatevi sempre che questo deve essere innaffiato e protetto con prodotti che evitino agli insetti di intaccare i vari fili d'erba.

Sul fronte manutenzione ricordatevi sempre che il prato deve avere un'altezza di circa tre centimetri: quando questa misura diventa eccessiva, ovvero raggiunge oppure supera i dieci centimetri, sarà necessario rasare il prato, in maniera tale che questo possa crescere sempre più rigoglioso e in maniera uniforme.

Grazie a queste procedure il prato della vostra proprietà potrà essere considerato perfetto sotto ogni ottica.

In alternativa è possibile acquistare dei robot tagliaerba che in automatico terranno il prato rasato in maniera perfetta, come questi:

X